PostHeaderIcon Il Coccio all’acqua pazza

In origine fu una specie di zuppa, un’ antica ricetta che i pescatori preparavano come piatto unico per un pasto povero ma completo. La preparazione della zuppa consisteva nel preparare un brodetto (utilizzando acqua di mare, aglio, olio, prezzemolo, pomodorini  e peperoncino) nel quale far cuocere piccoli pesci da zuppa: la cosiddetta “mazzamma” (utilizzata a Napoli anche per il fritto di pesce). La “mazzamma”, è un vocabolo napoletano che indica l’insieme di tutti quei piccoli pescetti di poco pregio, un tempo destinati al consumo delle famiglie dei pescatori, che restano nelle reti dei pescatori dopo che gli stessi abbiano veduto tutto il pesce pregiato. Una volta cotti, i pescetti venivano serviti a parte (perchè dovevano essere mangiati con le mani facendo molta attenzione ad eliminare le spine di cui sono molto dotati i pesci da zuppa), mentre il brodetto veniva servito in una ciotola di creta con dentro una “fresella”. Il pescatori chiamarono la ricetta ” all’acqua pazza” per il fatto che il pesce veniva cotto nell’acqua mischiata ad un po’ di vino bianco. Oggi di ricette per cucinare il pesce all’acqua pazza ce n’è un’infinità, perciò un po’ per volta vi posterò le varie opzioni. Il pesce più adatto a questa preparazione è il pesce da zuppa: scorfano, gallinella di mare (a Napoli si chiama, per l’appunto coccio), pescatrice, ecc… Sono adatti anche spigola, dentice, orata e…….. la mia adorata pezzogna!!

Il coccio è adatto alla preparazione di zuppe e ragù, ma oggi lo prepareremo all’acqua pazza.

Fatevi pulire un coccio da circa 700/800 gr dal pescivendolo e mettetelo in una pesciera con poco sale, un bel filo di olio, prezzemolo, 100 gr di pomodorini (oppure 100 gr di pelati), aglio (facoltativo) ed un paio di mestoli di acqua.

Incoperchiate e cuocete per una ventina di minuti (fino a quando vedrete che la polpa si stacca dalla spina e che da un colore perlato sarà passata ad un bel bianco).

Pulitelo e sistematelo nei piatti cospargendo col sughetto.

Una buona idea sarebbe abbinarlo ad una bella pasta con le telline.

Per questa ricetta potete adoperare anche la pentola di coccio sigillandola con un disco di pasta di pane e cuocendo in forno per circa 20/30 min.

Perle di saggezza partenopea: “Quanno ‘o Signore nzerra ‘na porta, arape nu portone” – (Quando il Signore chiuse una porta, apre un portone – Ciò vuol dire che quando Dio chiude una possibilità, ne apre un’altra più grande).
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I Commenti sono chiusi

Ciao micilli!!
Seguimi
Categorie
followers
Pubblicità
Translate
Scambio Banner

Se vuoi scambiare con noi il tuo banner o il link al tuo sito, copia e incolla il codice sottostante.


Dimensioni px: 150 X 50

Seleziona codice
Consigliati per voi
Contatore

free counters

La mia email
miciovolante(at)hotmail(dot)it
Archivio mensile
Cerca
Mi trovate anche qui!
logo_onlinewine
I più cliccati
Partecipo anch’io
Ricette di cucina
Partecipo anch’io
Il perchè del blog
Questo blog di cucina nasce dalla mia passione per essa, dall’esigenza di mettere in ordine nel mio “bagaglio” ricette e….. perchè no, dalla speranza che qualcuno, nello sfogliare queste pagine, smetta di digiunare e cominci ad aver voglia di assaggiare…….. sentire i profumi…. aver voglia di provare……anche soltanto di cucinare per chi amiamo. A questo scopo, nelle ricette del mio blog, troverete risposta a molte di quelle domande che spesso ci poniamo quando ci adoperiamo in cucina, soprattutto agli inizi. Il cibo ci fa star bene, ci fa socializzare: cosa c’è di più bello del riunirsi attorno ad un tavolo con amici o parenti, magari con un buon bicchierozzo di vino, e deliziarsi con cibi genuini godendo della compagnia di chi ci vuol bene?.. E’ un vero e proprio toccasana per il fisico e lo spirito!! Ricordiamoci però che “in medio stat virtus”, perciò NON esageriamo altrimenti, parafrasando una ben nota pubblicità, diventeremo “tutta ciccia e brufoli”…. OK??? Ora, visto che la mia vita è “un’altalena” in tutti i sensi, le ricette che vi proporrò saranno le più disparate e seguiranno l’andamento incostante dei miei stati d’animo: essendo una donna che lavora, cucino spesso piatti veloci ma, quando ho tempo mi dedico alla preparazione di piatti tipici della mia regione (e non solo); a volte mi capita di prediligere la cucina “sana” ma poi ho anche voglia di coccolarmi cucinando piatti che soddisfino il “palato” e che fanno tanto bene al “cuore”; adoro avere sempre qualcosa di buono, confezionato da me, per la colazione e la merenda di tutta la famiglia…. naturalmente anche questo tipo di preparazioni risentono del mio “status”. Una costante nella mia vita però c’è……. L’AMORE PER MIO FIGLIO!!..... è, e sarà sempre, la cosa più bella di tutta la mia vita!!!!! Non da ultima, infine, la passione per la mia bella Napoli, per la nostra meravigliosa Italia e per il mare; al riguardo, tempo permettendo, pubblicherò nel mio blog: foto, aneddoti, curiosità e tanto altro.
Free Cat Walking MySpace Cursors at www.totallyfreecursors.com
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina
Aggregatore notizie RSS
Online
Date un’occhiatina
Mi trovate anche qui:
Top Blogs di ricette