PostHeaderIcon Paella Valenciana

Paella Valenciana

Non so se questa sia la vera ricetta della paella di Valencia, l’ho vista fare in tv da un anziano ristoratore valenciano durante un vaggio di una nota attrice americana che è amante del luogo e della paella.

INGREDIENTI per 5-6 persone (max)

250 g di riso arborio (ma ci vorrebbe l’arroz)

5-6 scampi medi

1 bella seppia grossa in pezzi non troppo piccoli

2,5 lt di brodo di pesce

10 vongole

250 g di coda di rospo (rana pescatrice) in pezzetti

2 bustine di zafferano

1 cipolla bianca media

qualche cucchiaio di passata di pomodoro

2 cucchiai di paprika dolce (ci vorrebbe quella affumicata)

PROCEDIMENTO

Occorrerebbe possedere la tipica pentola, la “paella”: la padella da cui prende il nome la stessa ed anche il noto piatto spagnolo. Non avendola mi sono dovuta arrangiare con una padella capiente da circa 30 cm di diametro.

come potete vedere ho usato i fasolari al posto delle vongole e tagliato la seppia a pezzi non troppo piccoli

Mettete una discreta quantità di olio evo (dovete quasi coprire il fondo) nella padella e fatelo scaldare bene. Aggiungete gli scampi e fateli scottare un attimo (non dovete cuocerli) in modo da insaporire l’olio e poi metteteli da parte.

Aggiungete una grossa manciata di cipolla tritata al centro della padella e salate un pochino. Aggiungete la seppia in pezzi e poi la passata di pomodoro (tutte le aggiunte che fate dovete adagiarle al centro della padella).

A questo punto, il maestro zen ha aggiunto zafferano e sale pestato nel mortaio, io invece ho aggiunto due bustine di zafferano rosso ed un pochino di sale.

Aggiungete anche 2 cucchiai di paprika dolce ed il brodo di pesce (nella padella per la paella il brodo la riempiva fino ad un dito dal bordo) e lasciate bollire per circa 25′. Assaggiate com’è di sale: dovrà essere saporito ma senza esagerare. A questo punto unire il riso e dopo poco anche la coda di rospo, spargendola qui e là nella pentola, e le vongole. Non dovete assolutamente girare il riso e, quasi a cottura ultimata adagiate anche gli scampi che avevate messo da parte.

Tutta la cottura deve essere a fuoco abbastanza forte, solamente verso la fine dovete abbassare la fiamma. Per ottenere una cottura uniforme ho utilizzato uno spargifiamma. Lo chef ha poi adagiato la pentola al centro della tavola ed ha evidenzato che la paella deve essere mangiata direttamente dalla pentola e non deve essere servita nei piatti.

Cosa dire…… sarà che sò micio….. ma mi sono proprio leccata i baffi!! Buon appetito……..

Hanno detto di Napoli: “Quando io vorrei esprimermi a parole, appaiono soltanto immagini davanti ai miei occhi: il bellissimo paesaggio il mare libero, le isole scintillanti, la montagna ruggente: mi manca la capacità di descrivere tutto ciò. Napoli è un Paradiso, tutti ci vivono in una specie di inebriata dimenticanza di sé; [..] ed é per me una strana esperienza quella di trovarmi con gente che non pensa ad altro che godere. “(Johann Wolfgang Goethe)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

6 Commenti a “Paella Valenciana”

Ciao micilli!!
Seguimi
Categorie
followers
Pubblicità
Translate
Scambio Banner

Se vuoi scambiare con noi il tuo banner o il link al tuo sito, copia e incolla il codice sottostante.


Dimensioni px: 150 X 50

Seleziona codice
Consigliati per voi
Contatore

free counters

La mia email
miciovolante(at)hotmail(dot)it
Archivio mensile
Cerca
Mi trovate anche qui!
logo_onlinewine
I più cliccati
Partecipo anch’io
Ricette di cucina
Partecipo anch’io
Il perchè del blog
Questo blog di cucina nasce dalla mia passione per essa, dall’esigenza di mettere in ordine nel mio “bagaglio” ricette e….. perchè no, dalla speranza che qualcuno, nello sfogliare queste pagine, smetta di digiunare e cominci ad aver voglia di assaggiare…….. sentire i profumi…. aver voglia di provare……anche soltanto di cucinare per chi amiamo. A questo scopo, nelle ricette del mio blog, troverete risposta a molte di quelle domande che spesso ci poniamo quando ci adoperiamo in cucina, soprattutto agli inizi. Il cibo ci fa star bene, ci fa socializzare: cosa c’è di più bello del riunirsi attorno ad un tavolo con amici o parenti, magari con un buon bicchierozzo di vino, e deliziarsi con cibi genuini godendo della compagnia di chi ci vuol bene?.. E’ un vero e proprio toccasana per il fisico e lo spirito!! Ricordiamoci però che “in medio stat virtus”, perciò NON esageriamo altrimenti, parafrasando una ben nota pubblicità, diventeremo “tutta ciccia e brufoli”…. OK??? Ora, visto che la mia vita è “un’altalena” in tutti i sensi, le ricette che vi proporrò saranno le più disparate e seguiranno l’andamento incostante dei miei stati d’animo: essendo una donna che lavora, cucino spesso piatti veloci ma, quando ho tempo mi dedico alla preparazione di piatti tipici della mia regione (e non solo); a volte mi capita di prediligere la cucina “sana” ma poi ho anche voglia di coccolarmi cucinando piatti che soddisfino il “palato” e che fanno tanto bene al “cuore”; adoro avere sempre qualcosa di buono, confezionato da me, per la colazione e la merenda di tutta la famiglia…. naturalmente anche questo tipo di preparazioni risentono del mio “status”. Una costante nella mia vita però c’è……. L’AMORE PER MIO FIGLIO!!..... è, e sarà sempre, la cosa più bella di tutta la mia vita!!!!! Non da ultima, infine, la passione per la mia bella Napoli, per la nostra meravigliosa Italia e per il mare; al riguardo, tempo permettendo, pubblicherò nel mio blog: foto, aneddoti, curiosità e tanto altro.
Free Cat Walking MySpace Cursors at www.totallyfreecursors.com
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina
Aggregatore notizie RSS
Online
Date un’occhiatina
Mi trovate anche qui:
Top Blogs di ricette