Archivi per la categoria ‘ricette dal mondo’

PostHeaderIcon Fango del Mississipi (Mississipi Mud Pie) – Alias torta cioccolatosa -

Fango del Mississipi (Mississipi Mud Pie) - Alias torta cioccolatosa -

MUD PIE

Un solo imperativo: provatela!! Un consiglio: preparatela il giorno prima della consumazione*. Una precisazione: questo non è un semplice “dolcetto”, ma una squisitissima torta molto semplice da preparare.

La ricetta, tutta americana, è di Laurel Evans ed è una goduriosissima torta, croccante all’esterno ma morbida al suo interno.

 MUD PIE FETTA

Per la base:

300-400 g di biscotti frollini al cioccolato (tipo pan di stelle)

1-2 cucchiai di zucchero (a seconda della dolcezza del biscotto adoperato)

150 g di burro fuso

Un pizzico di sale

 

Frullate nel mixer i frollini al cioccolato, aggiungete il burro sciolto, 1 cucchiaio di zucchero ed un pizzico di sale. Il composto dovrà risultare umido.

Imburrate uno stampo a cerniera del diametro di 23 cm e versate il composto schiacciandolo e livellandolo con un cucchiaio sul fondo e sui bordi sino a formare un guscio contenitore. Ponete in freezer per 10′ e poi infornate a 180° per 8/10 min. Lasciate raffreddare su di una gratella.

 

per la crema:

  • 120 gr di zucchero
  • 40 gr di amido di mais
  • 30 gr di cacao
  • sale
  • 4 tuorli
  • 700 ml di latte
  • 30 gr di burro morbido oppure sciolto
  • 170 gr di cioccolato fondente (60%)

per la finituta:

  • 160 ml di panna
  • 20 gr di zucchero

In una casseruola versate lo zucchero, l’amido, il cacao, una presa di sale ed i tuorli. Mescolate con una frusta ed aggiungete il latte continuando a mescolare.

Ponete la casseruola sul fuoco lento e portate a bollore, rimescolando sempre, fin quando il composto si raddenserà ed assumerà una consistenza tipo nutella.

Versate il composto in una grossa ciotola e, nel frattempo, sciogliete il cioccolato a bagnomaria (oppure nel microonde). Unite nella ciotola sia il vostro burro che il cioccolato disciolto ed amalgamate tutto. Coprite con la pellicola facendola aderire bene alla superficie della crema e lasciate raffreddare in frigo per 2 ore circa. In questo modo, la crema postrà essere più agevolmente “maneggiata” all’atto dello sverso nel guscio di biscotti.

Una volta versata la crema nella base, lasciate raffreddare in frigorifero per almeno 5 ore (se avete seguito il consiglio in premessa, ed avete preparare il dolce con un giorno di anticipo, tenetela in frigo fino al momento di servirla).

Montate la panna e mettetene un bel ciuffo al centro stendendolo un poco solamente in centro. Volendo potete guarnire con scaglie o gocce di cioccolato.

mud pie dall'alto

*Note per me: un esperimento interessante sarebbe semi-congelare la torta per avere fette meno morbide.

PostHeaderIcon Insalata greca….. che bontà!!

Insalata greca..... che bontà!!

musaka

Qualcuno mi potrà dire “e che ci vuole!!”

Avete mai provato a prepararla? Il risultato vi ha soddisfatto oppure avete pensato che quella che avete mangiato in Grecia era più buona?

Partendo dal presupposto che sicuramente l’insalata greca mangiata in Grecia è più buona, non fosse altro che per il fatto che… SI E’… in Grecia, e che quindi tutto gioca a favore, proverò a chiarirvi qualche piccolo passaggio che forse potrà aiutarci a preparare un’insalata greca almeno degna di questo nome….. A proposito, sapete come si chiama in greco? Horiatiki …….Da oggi se vi trovate in Grecia oltre a saper dire “kalimera” e “kalispera”, potete spendervi una parola in più    ;-)

La prima cosa da sapere è che, così come succede nelle nostre regioni italiane, anche in Grecia il piatto più popolare (la horiatiki) assume “connotazioni” diverse a seconda di dove viene preparata: c’è differenza tra l’insalata greca che mangerete ad Atene e quella che vi prepareranno sulle isole… ma anche tra un’isola e l’altra.

Gli accorgimenti cui non rinuncerei, ai fini della riuscita del piatto sono: avere le verdure fredde di frigo, abbondare con l’olio, il pomodoro ed i cetrioli non devono essere tagliati troppo piccoli, la feta non dovrebbe essere tagliata a cubetti ma lasciata intera, l’insalata non deve essere mescolata prima di essere servita.

 

INGREDIENTI per 1 persona

2-3 pomodori tondi rossi maturi

1 cipolla piccola (quella rossa è più dolce)

1 cetriolo medio

5-8 olive greche

1 fetta di feta da circa 100 gr

olio evo

aceto di vino bianco (facoltativo)

origano e sale q.b.

 

PROCEDIMENTO

Lavate i pomodori, eliminate il picciolo troncando la calottina di netto e, partendo da lì,  taglateli a fette non sottili.

Versate i pomodori in una ciotola, che dovrà contenere anche il resto degli ingredienti, e tagliate la cipolla prima a metà nel senso della lunghezza e poi a fette sottili partendo questa volta dal lato corto, appoggiandola con il lato piatto sul tagliere.

Eliminate le estremità al cetriolo e sfregate polpa contro polpa con movimento circolare (la polpa della punta contro la polpa del cetriolo intero), questo consentirà di eliminare l’amaro. Sciacquate e sbucciate parzialmente il cetriolo: utilizzando un pelapatate eliminate qualche striscia di buccia verde ottenendo un effetto a righe; poi tagliatelo a fette di circa 1/2 cetimetro di spessore.

Inserite tutti gli ingredienti nella ciotola, comprese le oli

ve, e condite con abbondante olio (dovrete vederne due dita sul fondo), un cucchiaio scarso di aceto (se avete deciso di metterlo) e poco sale.

Adagiate, infine, una grossa fetta di feta in cima agli ortaggi e ungetela con un filino di olio.

Adoperando una forchetta rompete un pezzo di feta ed infilate sulla stessa, insieme alla formaggio, qualsiasi cosa riusciate a gestire nella stessa e portatela alla bocca….. è così che dovete mangiarla!!

L’insalata greca è un piatto da condividere perciò voglio sperare che ne prepariate in abbondanza  e che mettiate la vostra grossa ciotola al centro della tavola… ognuno agguanterà qualcosa: feta e olive, pomodori e cetriolo, pomodori e feta….. Alla fine “sfoderate” il pane e… AZZUPPATEEEEE….. scusate è venuta fuori tutta la mia napoletanità…. volevo dire: intingete il pane nell’olio ormai insaporito dal succo di pomodoro, piccole briciole di feta e quant’altro.

Note: la Horiatiki rientra a tutti gli effetti nella dieta mediterranea, fornisce molta vitamina C, vitamina A e vitamina B2.

PostHeaderIcon Si chiama trdlo… trdelnìk o manicotto di Boemia.

trdlo 4

E’ da più di due anni che voglio parlarvi di questo dolce che ho assaggiato a Praga e che mi ha fatto letteralmente impazzire, sia per la bontà che per la “difficoltà” di realizzo in quanto richiederebbe di essere cotto sulla brace rotolando su di una sorta di apposito matterello (il manicotto). 

Praga è bellissima, ha un’atmosfera molto particolare specialmente durante le festività natalizie e di sera. Per le strade si avverte un’atmosfera magica che definirei: fascinosa, romantica e misteriosa. Leggi il resto di questo articolo »

PostHeaderIcon Zuppa di fagioli alla “messican-napoletana”

Zuppa di fagioli alla "messican-napoletana"


fagioli

Anche la ricetta più fedele all’originale, cucinata da una napoletana DOC come me, subisce inevitabilmente un po’ di influenza partenopea…..  Non me ne vogliano, quindi, i “puristi” della ricetta messicana. Vi chiedo di provarla e, de vi fa piacere, commentarla ;-)

 

INGREDIENTI per 6 persone

 

1/2 Kg di fagioli neri

6 salsicce (di cui 3 sbudellate e ridotte in briciole)

1/2 bottiglia di passata di pomodoro

1 cipolla

1 spicchio di aglio

vino bianco q.b.

olio e.v.o.

1 pizzico di cumino (facoltativo)

1 cucchiaino di brodo vegetale granulare

sale e pepe q.b.

chili (è una spezia messicana che potete sostituire col tabasco o con il peperoncino piccante in quantità tale da rendere il tutto abbastanza pepato)

 

PROCEDIMENTO

Mettete i fagioli  a bagno in una grossa ciotola con abbondante acqua e lasciateli in ammollo per una notte intera.

sembrano viola, ma in realtà sono neri

sembrano viola, ma in realtà sono neri

Il mattino seguente scolate e sciacquate i fagioli, poi lasciateli ancora un po’ nell’acqua fresca mentre preparate le altre cose.

In una pentola, possibilmente di coccio, rosolate nell’olio la cipolla affetta ed uno spicchio di aglio.

 le cipolle rosse sono più dolci  ;-)

le cipolle rosse sono più dolci ;-)

Eliminate l’aglio ed aggiungete le salsicce (sia quelle sbriciolate che quelle intere). Lasciate rosolare (bastano 1-2 minuti) e poi spruzzatele con un po’ di vino lasciando evaporare.

rosolare

Aggiungete la passata di pomodoro, il cumino, il pepe ed il chili.

E’ il momento di scolare definitivamente i fagioli neri e di unirli agli altri ingredienti, aggiungendo acqua a coprire ed il cucchiaino di brodo vegetale granulare.

Cuocete la vostra zuppa per almeno 1 ora (i fagioli dovranno risultare abbastanza teneri). Quando i fagioli saranno quasi giunti a cottura, aggiustate di sale e di pepe .

Servite in piatti di terracotta con fettine di pane casereccio leggermente oliato e tostato.

 

VERSIONE SPEEDY per 3-4 persone:

 

INGREDIENTI

2 vasetti di fagioli borlotti

1-2 salsicce a persona (la metà sbudellate e sbriciolate)

cipolla

olio e.v.o.

vino bianco q.b.

passata di pomodoro (1 bicchiere ogni 2 persone)

prezzemolo, tabasco (o peperoncino forte)

crostini (freselle o pane cafone bruscato)

 

PROCEDIMENTO

Soffriggete nell’olio la cipolla.

Aggiungete le salsicce e fatele rosolare.

Sfumate col vino e inserite anche la passata, il prezzemolo e 2 cucchiaini di tabasco.

Cuocete 10′, poi aggiungete i fagioli ed il sale.

Proseguite la cottura per altri 10′.

Inserite i crostini nei piatti e cospargetevi sopra la zuppa di fagioli. 

 

Perle di saggezza napoletana: ” ‘O puorco se ‘ngrassa pe ne fà sacicce”.
Letteralmente: il maiale è ingrassato per farne salsicce. La locuzione vuole amaramente significare che dalla disincantata osservazione della realtà si deduce che nessuno fa del bene disinterassatamente; anzi chiunque fa del bene ad un altro mira certamente al proprio tornaconto che gliene deriverà, come – nel caso in epigrafe – il maiale non deve pensare che lo si lasci ingrassare per fargli del bene, perché il fine perseguito da colui che l’alleva è quello di procurarsi il proprio tornaconto sotto specie di salsicce.
Ciao micilli!!
Loading

Seguimi
Categorie
followers
Pubblicità
Translate
Scambio Banner

Se vuoi scambiare con noi il tuo banner o il link al tuo sito, copia e incolla il codice sottostante.


Dimensioni px: 150 X 50

Seleziona codice
Consigliati per voi
Contatore

free counters

La mia email
miciovolante(at)hotmail(dot)it
Archivio mensile
Mi trovate anche qui!
logo_onlinewine
I più cliccati
Partecipo anch’io
Ricette di cucina
Partecipo anch’io
Il perchè del blog
Questo blog di cucina nasce dalla mia passione per essa, dall’esigenza di mettere in ordine nel mio “bagaglio” ricette e….. perchè no, dalla speranza che qualcuno, nello sfogliare queste pagine, smetta di digiunare e cominci ad aver voglia di assaggiare…….. sentire i profumi…. aver voglia di provare……anche soltanto di cucinare per chi amiamo. A questo scopo, nelle ricette del mio blog, troverete risposta a molte di quelle domande che spesso ci poniamo quando ci adoperiamo in cucina, soprattutto agli inizi. Il cibo ci fa star bene, ci fa socializzare: cosa c’è di più bello del riunirsi attorno ad un tavolo con amici o parenti, magari con un buon bicchierozzo di vino, e deliziarsi con cibi genuini godendo della compagnia di chi ci vuol bene?.. E’ un vero e proprio toccasana per il fisico e lo spirito!! Ricordiamoci però che “in medio stat virtus”, perciò NON esageriamo altrimenti, parafrasando una ben nota pubblicità, diventeremo “tutta ciccia e brufoli”…. OK??? Ora, visto che la mia vita è “un’altalena” in tutti i sensi, le ricette che vi proporrò saranno le più disparate e seguiranno l’andamento incostante dei miei stati d’animo: essendo una donna che lavora, cucino spesso piatti veloci ma, quando ho tempo mi dedico alla preparazione di piatti tipici della mia regione (e non solo); a volte mi capita di prediligere la cucina “sana” ma poi ho anche voglia di coccolarmi cucinando piatti che soddisfino il “palato” e che fanno tanto bene al “cuore”; adoro avere sempre qualcosa di buono, confezionato da me, per la colazione e la merenda di tutta la famiglia…. naturalmente anche questo tipo di preparazioni risentono del mio “status”. Una costante nella mia vita però c’è……. L’AMORE PER MIO FIGLIO!!..... è, e sarà sempre, la cosa più bella di tutta la mia vita!!!!! Non da ultima, infine, la passione per la mia bella Napoli, per la nostra meravigliosa Italia e per il mare; al riguardo, tempo permettendo, pubblicherò nel mio blog: foto, aneddoti, curiosità e tanto altro.
Free Cat Walking MySpace Cursors at www.totallyfreecursors.com
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina
Aggregatore notizie RSS
Date un’occhiatina
Mi trovate anche qui:
Top Blogs di ricette