Archivi per la categoria ‘gelato’

PostHeaderIcon Sorbetto alla fragola

Sorbetto alla fragola

sorbetto

 


INGREDIENTI per 4 persone

 

1/2 Kg di fragole

250 g di acqua

200-300 g di zucchero (varia a seconda della dolcezza delle fragole e del gusto personale: ottimo anche lo zucchero di canna)

1 limone

foglioline di menta per decorare

 

PROCEDIMENTO

Lavate le fragole ed asciugatele bene.

Mettete a bollire l’acqua con lo zucchero e, quando sarà disciolto spegnete il fuoco e lasciate che raffreddi a temperatura ambiente.

Nel frattempo frullate le fragole aggiungendo anche il succo del limone e lo sciroppo raffreddato (assaggiate per controllare se lo zucchero è sufficiente).

Come già vi ho descritto precedentemente (nel post “sorbetto al limone“) potete, a questo punto, optare per la gelatiera ed il freezer oppure potete versare il vostro sorbetto in un contenitore e metterlo in freezer per circa cinque ore: nelle prime due ore mescolate il composto di tanto in tanto; nelle ore successive, date una frullata ogni ora.

Prima di servirlo date comunque ancora una “botta” di frullatore per mantecare bene il sorbetto.

Servite il sorbetto in coppette e decorate con foglioline di menta.

Note: se non avete la gelatiera ed avete optato per il secondo sistema, vi consiglio di usare un contenitore di acciaio già freddo di freezer.

PostHeaderIcon Sorbetto al limone

sorbetto

Non immaginavo che potesse essere così semplice prepararlo….. I miei familiari lo adorano….. In verità, adorano ogni tipo di gelato, ma quello al limone è particolarmente gradito anche se non è un vero e proprio gelato per la mancanza di latte e/o crema al suo interno.

So che alcuni utilizzano l’albume per ottenere un sorbetto più cremoso. Io non l’ho messo, ma vi offro entrambe le opportunità.

 

INGREDIENTI

 

6 o 7 limoni (preferibilmente non trattati)

300 g di zucchero semolato

1/2 litro di acqua

1 pezzetto di zenzero (se piace)

1 albume (facoltativo)

 

PREPARAZIONE

 

Vi consiglio di preparare lo sciroppo il giorno prima, per lasciare che raffreddi bene prima di mescolarlo agli altri ingredienti.

In una pentola dai bordi alti, miscelate l’acqua con lo zucchero.

Accendete il fuoco al minimo e lasciate sciogliere, mescolando ancora, fino a quando lo zucchero diventerà un po’ caramellato (massimo 15′). Lasciate raffreddare lo sciroppo nella pentola.

Grattate la buccia di 2 limoni (evitando la parte bianca sottostante la scorza dell’agrume) ed, eventualmente, un pochino di zenzero. Inserite nella pentola anche questi altri ingredienti.

Spremete tutti i limoni e filtrateli privandoli dei semi: dovrete ottenere 250 ml di succo (se vi piace più aspro, aggiungetene di più).

Miscelate il succo con lo sciroppo ormai freddo e lasciate riposare qualche minuto.  Se avete deciso di aggiungere l’albume (ma credetemi se vi dico che non serve), montatelo a neve ben ferma e, infine, unitelo con delicatezza al composto preparato in precedenza, girando con movimento regolare, sempre nello stesso verso, dal basso verso l’alto, per evitare che l’albume si smonti.

Distribuite il sorbetto in due vaschette e ponetelo in congelatore.

Questo, procedimento è valido per chi non possiede una gelatiera. Il sorbetto risulterà pronto dopo 7/8 ore di congelamento, durante le quali dovrete aprire il congelatore e mischiare più volte, per evitare che il gelato formi un blocco unico.

Se possedete la gelatiera, tutto sarà più semplice: essa, mischiando continuamente il sorbetto, farà in modo che incorpori aria e che la preparazione non ghiacci. Se la gelatiera in questione, è quella con l’elemento interno, che va conservato nel congelatore e poi inserito nel macchinario, ricordate di metterlo a raffreddare almeno 24 ore prima di preparare il sorbetto.

Modi di dire partenopei: “Troppi galle a cantà nun schiara maje juorne”. (Troppi galli a cantare, non spunta mai il giorno).
Quando ci sono troppe persone ad esprimere un’opinione, un parere, non si arriva mai ad una conclusione

PostHeaderIcon I cucciolini…. quando il cucciolone diventa un piccolo gelato/merenda

I cucciolini.... quando il cucciolone diventa un piccolo gelato/merenda

Un’altra idea brillante sottratta a B. Parodi. Sono dei bsicottini-gelato adatti per un dopo cena informale davanti alla TV oppure per accompagnare un caffè, ma anche per la merende dei bambini sia in inverno, perché non troppo ghiacciata, che in estate in quanto è una merenda piccolina ma golosa e, secondo me, “giustamente” sostanziosa.

INGREDIENTI

Biscotti oro saiwa

250 gr di panna fresca

1-2 cucchiai di zucchero a velo (facoltativi)

100 gr di gocce cioccolato fondente

PROCEDIMENTO

Montate per benino la panna con lo zucchero a velo e poi mischiatela con le gocce di cioccolato.

..... slurp!!

Versate un cucchiaio scarso di composto sul biscotto allo spessore di un dito e sovrapponete un’altro biscotto ad ottenere un sandwich. Mettete i vosti gelatini su di un vassoietto e poneteli in frigo per qualche ora affinchè solidifichino. Offriteli così e, se ve ne avanzano, metteteli in una bustina per congelare, in questo modo non occuperanno molto spazio.

Modi di dire partenopei: “Fà scénnere ’0 core dint’ ‘e cazette” (Far scendere il cuore nelle calze), ossia lascir sbigottiti, interdetti, stupefatti tanto da non avere capacità di reazione a qualcosa di cui si sta parlando e che ci abbia fatto precipitare il cuore (organo che è l’emblema della forza e del coraggio) dalla sua sede naturale, all’interno delle calze vanificando la possibilità di reazione.

PostHeaderIcon Semifreddo ai cachi

Semifreddo ai cachi

Anche se ultimamente le foto e le presentazioni dei piatti lasciano molto a desiderare, dovete ammettere che vi sto postando tantissime ricette veloci, utili e d’effetto. Non fa eccezione questo semifreddo, proposto dalla Parodi e da me sperimentato con successo.

INGREDIENTI

1/2 l di panna fresca

1 K di cachi

il succo di 1 limone

400 g di zucchero

PREPARAZIONE

Spellate i cachi e passateli in un colino per setacciarli. Montate la panna. Unite il limone e lo zucchero al composto di cachi mescolando bene. Aggiungete la panna montata mescolando con delicatezza per non smontarla (non importa se rimane qualche grumo). Versate il composto in una teglia da plum cake (possibilmente in silicone per rendere più semplice l’operazione di sformatura) e lasciare riposare nel freezer per almeno una notte.

Che dire, a me è piaciuto….. trovo che sia un dolce molto indicato quando non si vuole “appesantire” troppo una cena o un pranzo di per sé già molto ricchi.

Modi di dire partenopei: Madonna mia fa’ stà bbuono a Nirone
Letteralmente: Madonna mia, mantieni in salute Nerone. E’ l’invocazione scherzosa rivolta dal popolo alla Madre di Dio affinché protegga la salute dell’uomo forte, di colui che all’occorrenza possa intervenire per aggiustare le faccende quotidiane. Nella locuzione c’è la chiara indicazione che il popolo preferisce l’uomo forte e deciso, piuttosto che l’imbelle democratico.
Ciao micilli!!
Loading

Seguimi
Categorie
followers
Pubblicità
Translate
Scambio Banner

Se vuoi scambiare con noi il tuo banner o il link al tuo sito, copia e incolla il codice sottostante.


Dimensioni px: 150 X 50

Seleziona codice
Consigliati per voi
Contatore

free counters

La mia email
miciovolante(at)hotmail(dot)it
Archivio mensile
Mi trovate anche qui!
logo_onlinewine
I più cliccati
Partecipo anch’io
Ricette di cucina
Partecipo anch’io
Il perchè del blog
Questo blog di cucina nasce dalla mia passione per essa, dall’esigenza di mettere in ordine nel mio “bagaglio” ricette e….. perchè no, dalla speranza che qualcuno, nello sfogliare queste pagine, smetta di digiunare e cominci ad aver voglia di assaggiare…….. sentire i profumi…. aver voglia di provare……anche soltanto di cucinare per chi amiamo. A questo scopo, nelle ricette del mio blog, troverete risposta a molte di quelle domande che spesso ci poniamo quando ci adoperiamo in cucina, soprattutto agli inizi. Il cibo ci fa star bene, ci fa socializzare: cosa c’è di più bello del riunirsi attorno ad un tavolo con amici o parenti, magari con un buon bicchierozzo di vino, e deliziarsi con cibi genuini godendo della compagnia di chi ci vuol bene?.. E’ un vero e proprio toccasana per il fisico e lo spirito!! Ricordiamoci però che “in medio stat virtus”, perciò NON esageriamo altrimenti, parafrasando una ben nota pubblicità, diventeremo “tutta ciccia e brufoli”…. OK??? Ora, visto che la mia vita è “un’altalena” in tutti i sensi, le ricette che vi proporrò saranno le più disparate e seguiranno l’andamento incostante dei miei stati d’animo: essendo una donna che lavora, cucino spesso piatti veloci ma, quando ho tempo mi dedico alla preparazione di piatti tipici della mia regione (e non solo); a volte mi capita di prediligere la cucina “sana” ma poi ho anche voglia di coccolarmi cucinando piatti che soddisfino il “palato” e che fanno tanto bene al “cuore”; adoro avere sempre qualcosa di buono, confezionato da me, per la colazione e la merenda di tutta la famiglia…. naturalmente anche questo tipo di preparazioni risentono del mio “status”. Una costante nella mia vita però c’è……. L’AMORE PER MIO FIGLIO!!..... è, e sarà sempre, la cosa più bella di tutta la mia vita!!!!! Non da ultima, infine, la passione per la mia bella Napoli, per la nostra meravigliosa Italia e per il mare; al riguardo, tempo permettendo, pubblicherò nel mio blog: foto, aneddoti, curiosità e tanto altro.
Free Cat Walking MySpace Cursors at www.totallyfreecursors.com
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina
Aggregatore notizie RSS
Date un’occhiatina
Mi trovate anche qui:
Top Blogs di ricette